Sezioni

VACCINAZIONI (LEGGE 119/2017): COME FUNZIONA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

obbligo vaccinale referente Morena Garattoni

Ufficio: Scuola

Descrizione:

La legge sulle vaccinazioni approvata dal Parlamento (legge 119/2017) estende da 4 a 10 le vaccinazioni obbligatorie previste per l'iscrizione a scuola.

Tali vaccinazioni riguardano i bambini e i ragazzi da 0 a 16 anni. Finora erano obbligatorie difterite, tetano, polio ed epatite B, ora si aggiungono pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, rosolia, parotite e varicella (quest’ultima è obbligatoria solo per i nati dall’1° gennaio 2017). Tutte le 10 vaccinazioni obbligatorie sono gratuite.

 

Vista l'imminente scadenza fissata al 10 settembre per le scuole dell'infanzia, entro cui deve esserea presentata la documentazione dello stato vaccinale, la Regione Emilia Romagna e l’Ufficio Scolastico Regionale hanno deciso alcune semplificazioni a supporto dei genitori affinché i procedimenti previsti dalla norma possano esser svolti con efficienza. Per gli altri ordini di scuola, si rimanda a successive informazioni. 

Cosa fare:

Le certificazioni andranno presentate:

- entro il 10 settembre 2017 per i nidi, materne e scuole dell'infanzia;

- entro il 31 ottobre 2017 per la scuola dell'obbligo 

e in mancanza di queste, le famiglie potranno provvisoriamente sostituirle fino al 10 marzo 2018 con un’autocertificazione (il modulo è scaricabile dal sito www.ascuolavaccinati.it ) 

Per le scuole dell’infanzia, la documentazione attestante lo stato vaccinale verrà inviata direttamente dalle ASL alle famiglie; laddove lo stato vaccinale non risulti in regola rispetto all’età, le famiglie riceveranno gli appuntamenti per le vaccinazioni. I documenti ricevuti dalla propria ASL saranno poi consegnati dalle famiglie alle scuole, evitando quindi la presentazione di autocertificazioni e di successive certificazioni.

Le famiglie che non dovessero ricevere la comunicazione ASL, per problemi logistici o in quanto residenti in altra Regione o per qualsiasi altro motivo, potranno comunque avvalersi della possibilità di presentare l’autocertificazione.

Se entro le date previste i genitori non presentano alla scuola la documentazione sull’avvenuta vaccinazione o sull’esonero o sul rinvio saranno convocati dall'Azienda USL per un colloquio informativo sulle vaccinazioni e per sollecitare a farle.

Il mancato rispetto degli obblighi di legge determina l’impossibilità ad accedere agli asili nido, scuola materna e servizi per l’infanzia dei bambini nella fascia di età compresa tra 0-6 anni di età. Per tutte le famiglie inadempienti sono invece previste sanzioni economiche da 100 a 500 euro.

 I genitori dei bambini già iscritti ai servizi educativi 0/3 anni non dovranno presentare alcuna documentazione. Le Aziende Usl infatti sono già in possesso degli elenchi dei bambini iscritti e comunicheranno lo stato vaccinale direttamente ai Comuni/Gestori dei servizi educativi.

Nei casi in cui lo stato vaccinale del bambino non sia completo in relazione a quanto previsto per l’età, la stessa Azienda Usl provvederà a inviare entro il 10 settembre una lettera di convocazione alla famiglia con la data dell’appuntamento.

Riguardo ai minori iscritti alla scuola dell’obbligo le Aziende Usl, al fine di semplificare gli adempimenti dei genitori, manderanno a chi non è in regola con il calendario vaccinale la prenotazione per completarlo.

Dove rivolgersi:

Per informazioni sulle vaccinazioni, le famiglie possono consultare i siti regionali www.ascuolavaccinati.it  http://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccinazioni-infanzia-e-adolescenza  

È possibile inoltre scrivere per quesiti sanitari all’indirizzo email curato da un gruppo di esperti della Regione e delle Aziende sanitarie infovaccinazioni@regione.emilia-romagna.it ,  e chiamare il numero verde regionale 800 033.033, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 13.