Sezioni

"Melting Pot: storie per un altro mondo- Passato e presente"

La rassegna “Storie per un altro mondo – passato e presente” apertasi con successo il 28 dicembre scorso, torna domenica 15 gennaio con il secondo appuntamento “Popoli Traditi”.
 Popoli in fermento: il ruolo della letteratura” sarà il tema dell’incontro che si terrà domenica 15 gennaio alle ore 15:30 presso la sala del Museo Mulino Storico Sapignoli a Poggio Torriana, secondo appuntamento della rassegna culturale e letteraria organizzata da Aiep Editore San Marino in collaborazione con l’Associazione gli Amici del Mulino Sapignoli APS di Poggio Berni e con il Patrocinio della Provincia di Rimini, Politiche di Genere e Pari Opportunità e del Comune di Poggio Torriana. 
 
 La letteratura può diventare la bandiera di chi sostiene coraggiosamente le trasformazioni sociali e politiche? Nella storia ci sono esempi straordinariamente importanti che vedono i libri protagonisti del nuovo pensiero, alcuni di essi divenuti vero e proprio punto di riferimento per le lotte di liberazione d’interi popoli. Eleonora Forlani, Alessandra Carlini e Giuseppe Morganti offriranno al pubblico spunti di riflessione parlando di altri due libri straordinari della collana Melting Pot volta a promuovere la narrativa dai Paesi del Sud del mondo: Con l’aiuto del vento di Javier Gurriaràn, e Il castello di Dimdim di Ereb Shamilov. Il primo libro riguarda le popolazioni rifugiatesi sulle montagne del nord del Guatemala, per sottrarsi alle violenze di un esercito che le vuole assoggettare alle logiche latifondiste dei grandi proprietari terrieri. “Con l’aiuto del vento” rappresenta una delle rare voci che raccontano la vita e i valori delle Comunità Maya,  ancora oggi perseguitate dalle multinazionali della produzione di olio di palma. Il secondo libro, “Il castello di Dimdim”, racconta la storia di Khano Lapzerin (Dal braccio d’oro) e della capacità di organizzare una vita sociale in cui i curdi possono vivere felici ma, contemporaneamente, dotarsi di un esercito ben addestrato e armato, convinto del ruolo di garanzia esercitato a difesa degli abitanti di tutto il Kurdistan, continuamente sotto attacco dell’esercito turco da nord-ovest e da quello persiano da sud-est. E’ un grande racconto d’amore e di guerra, dove la disperata resistenza della città-castello alle aggressioni s’intreccia con la tenerezza di sentimenti semplici e profondi. Popoli traditi, quello guatemalteco e quello curdo, costretti a lottare per il diritto alla vita e all’autodeterminazione sulla propria terra.
 
Ogni appuntamento sarà accompagnato da musiche e da degustazioni di prodotti tipici locali offerti dall’Associazione gli Amici del Mulino Sapignoli APS. Per esigenze organizzative, dati i posti limitati, si prega di prenotare o tramite mail all’indirizzo gliamicidelmulinosapignoli@gmail.com oppure al numero 338 969 2218

Azioni sul documento

pubblicato il 2023/01/09 17:29:00 GMT+1 ultima modifica 2023-01-10T10:36:23+01:00

Valuta questo sito