Sezioni

Assegno di maternità di base

referente comunale Morena Garattoni

Che cos'è

È una prestazione che viene concessa dal Comune di residenza ed erogata dall’Inps alle mamme che ne fanno richiesta entro sei mesi dalla nascita del figlio.

L’assegno viene corrisposto alle donne che non beneficiano di alcun trattamento economico per la maternità (indennità o altri trattamenti economici a carico dei datori di lavoro privati o pubblici) o che beneficiano di un trattamento economico di importo inferiore rispetto a quello dell’assegno e che non superano un determinato reddito calcolato in base all'Isee.

Il beneficio viene concesso anche in caso di adozione o affidamento preadottivo di un minore.

Importo dell'assegno

L'importo dell’assegno, per le nascite avvenute nel 2020, è pari a 1.740,60 euro. In caso di parto gemellare, l’importo dell’assegno è proporzionale al numero dei figli nati.

Chi può presentare domanda

Possono presentare domanda le mamme (o in assenza il diverso richiedente avente diritto):

  • Cittadine italiane;
  • Cittadine comunitarie;
  • Cittadini di Paesi terzi protetti da norme europee in materia sociale:
  • Cittadino rifugiato politico, i suoi familiari e superstiti
  • Cittadino apolide, i suoi familiari e superstiti
  • Cittadini titolari della protezione sussidiaria
  • Cittadino che abbia soggiornato legalmente in almeno 2 stati membri, i suoi familiari e superstiti
  • Cittadino familiare del cittadino dell’Unione
  • Cittadini soggiornanti di lungo periodo non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente
  • Cittadino titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • Cittadini / lavoratori del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia, e loro familiari
  • Cittadino titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro e i suoi familiari, ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal dlgs. 40/2014

• per l’anno 2020, il valore Isee (attestazione Isee sottoscritta a norma del DPCM 159/2013 in corso di validità alla data di presentazione della domanda) non deve essere superiore a 17.416,66 euro. Nell'Isee deve essere considerato anche il nuovo nato.
. Per il rilascio dell’Isee è possibile avvalersi dei Caaf

In caso di nuclei in cui i genitori non sono coniugati e hanno diversa residenza anagrafica, gli stessi dovranno richiedere Isee per prestazioni rivolte a minorenni ai sensi dell'art. 7 DPCM sull'Isee e dovranno figurare entrambi nell'Isee.

Cosa fare

Presentare domanda al Comune di residenza entro sei mesi dalla nascita del figlio.

Per presentare domanda occorre allegare:

  • dichiarazione Isee (attestazione Isee sottoscritta a norma del DPCM 159/2013 in corso di validità alla data di presentazione della domanda)
  • fotocopia di un documento di riconoscimento;
  • per le mamme extracomunitarie, permesso/carta di soggiorno.

Riferimenti

  • art. 66, Legge n. 448/98
  • D.P.C.M. n. 452/2000
  • art. 74, D.Lgs. n. 151/2001
  • D.P.C.M. n. 159/2013

Dove rivolgersi:

Per la modulistica, assistenza alla compilazione e consegna della domanda:

Ufficio Unico Servizi Sociali Sede di Poggio Berni     

Ufficio Relazioni con il Pubblico                     
urp@comune.poggiotorriana.rn.it

Ufficio Unico Servizi Sociali - sede di Torriana

Allegati

Qui sotto trovi il modulo per presentare richiesta e gli approfondimenti utili relativi al procedimento.

Valuta questo sito